Tradimento: come superarlo, come conviverci!

Ambra Angiolini non mi è mai stata simpatica. Dai tempi di ‘Non è la Rai’ troppo veloce, troppo egoriferita. Poi ci ho pensato. Avrà cinque anni più di me ma lavora da quanti anni ne aveva 14 ed è un’attrice, conduttrice molto brava e professionale. Quasi sicuramente è questo che può dare fastidio. E come tanti anche lei si è innamorata, sposata, e come in questa terribile storia che la rende protagonista, suo malgrado, è stata tradita.

E il tradimento è qualcosa che attraversa l’anima. Cosa significa questo termine che deriva da un verbo ‘Tradire’? Dal latino ‘tradere’ significa ‘consegnare ai nemici’. Consegnare ai nemici con tradimento. Da questo significato si può ben capire cosa effettivamente si prova. Esattamente questo. Essere messi alla berlina, sentirsi incapaci di difendersi perché qualcuno, e quasi sempre quel qualcuno è una persona di fiducia ci ha consegnati ad un dolore dove difficilmente si riesce a fare pace, a conviverci, perché si ripercorrono minuti, secondi, giorni, settimane e mesi per capire dove e in che modo ci si è scoperti al punto tale da essere così colpiti.

La storia del Cavallo di Troia dovrebbe fare riflettere tutti. La città siriana di Troia era stata difesa in tutti i modi possibili, con le armi, con le vite degli eroi, Ettore contro Achille per intenderci, e non era mai stata espugnata. Ma anche le città con le cinte più alte e inattaccabili possono cadere con l’inganno, con appunto un tradimento. Come quello appunto del famoso cavallo.

La storia di Ambra Angiolini derisa perché tradita è l’emblema di una società basata su maschilismo, patriarcato e chi più ne ha più ne metta. Quando penso ai tradimenti che ho subito, dove sono stata praticamente consegnata anche io al nemico, penso a quanto basterebbe un attimo prima fare in modo che questo non accada.

Il cuore vede ragioni che la ragione non vede ed è sempre così.

Ognuno concepisce a modo suo il tradimento e qui io per prima non emetto giudizi ma chi accusa il colpo va protetto perché il percorso che dovrà attraversare non sarà semplice.

Bisogna perdonare e perdonarsi. Recuperare bellezza e autostima. Capire e capirsi. Iniziare un percorso di psicanalisi se si hanno le possibilità.

Io ho perdonato? Ho dimenticato.

Ricordo la pioggia di uno di quei giorni. Mi sembrava impossibile che fosse vero. Ma lo era. E oggi dopo dieci anni capisco che era solo la conseguenza ad un rapporto che non poteva andare diversamente.

Ne sono certa. Perdonare forse lo si fa quando ancora si vuole bene. Quando ancora c’è un legame sottile e invisibile di quelle vite che per un momento sono state la stessa. Quando questo si dimentica, dimentichi anche quando e perché hai perdonato.

Inizialmente si inizia a convivere con questa realtà. Sono stato tradito. O tradita. E si cerca un perché. Perché mi hai fatto questo? Perché la mia vita in quel set di scatoloni. Perché fa cosi male. Cosi tanto male.

Ricordo che dopo due anni cancellai tutte le email di quella storia durata ben sette anni. E le foto, e buttai i regali, e tutto quello che potesse ricordarmi giorni felici. Dopo due anni avevo trovato il coraggio di farlo. Due anni sono lunghi. Ma il trauma fu forte. Cambiai città, vita, mi immersi in lavori, in amicizie nuove e che durano ancora adesso. Non fu facile. Ma le novità mi assorbirono completamente. E la dura convivenza si trasformò in abitudine. Poi di nuovo. Altro tradimento. Qui mi arrabbiai molto. Mi senti presa in giro. Che bisogno c’era, mi domandavo e chiedevo perché non essere sinceri.

Ma è molto più facile non esserlo o accusare gli altri dei propri di errori.

E tu cosa ne pensi? Come hai affrontato il tutto?

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.